Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù!
s. paolo

Le elezioni della Madre e del suo consiglio

all'interno del cammino capitolare: qualche cenno

 

Le Orsoline Figlie di Maria Immacolata di Verona stanno celebrando il 19° Capitolo Generale: un evento non solo nella vita delle Orsoline, ma nella vita di tutta la Chiesa. La vitalità di un carisma, infatti, esprime e favorisce la vitalità, la ricchezza, la fecondità di tutto il corpo ecclesiale.
È un Capitolo scandito in 4 momenti:
1. Un tempo di incontro personale con il Signore: alla luce di alcuni testi paolini, è maturata la consapevolezza, la gratitudine, il senso di responsabilità di fronte a un dono che, ricevuto per grazia, custodito, non nascosto, in vasi di creta, cresce per la potenza di Dio a favore della Chiesa, che è il Corpo di Cristo.
2. Uno sguardo alla realtà attuale della famiglia religiosa: gioie, rallentamenti, difficoltà, domande, attenzione alle rapide trasformazioni, nella società e nella Chiesa, che sollecitano risposte per poter essere, oggi, ‘Comunità evangeliche’. 
3. Il tempo dedicato all’elezione della Superiora Generale e del suo Consiglio: a chi chiedere, e affidare, oggi, nel Signore, il servizio di autorità perché questa Famiglia religiosa cresca nella fedeltà a Dio, nella Chiesa? È un momento che impegna tutte e ciascuna nella fraternità e nella corresponsabilità.
Il nuovo Governo è così formato:
- Sr. M. Claudia Cavallaro - Superiora Generale
- Sr. M. Claire Agnés Razafisolo - Vicaria Generale
- Sr. M. Rossana Aloise - Consigliera Generale
- Sr. M. Giuseppina Costantino - Consigliera Generale
- Sr. M. Lúcia Petry – Consigliera Generale
- Sr. M. Giovanna Caprini – Economa Generale

4. Infine, una decisione riguardo agli orientamenti e linee operative per il prossimo sessennio.

Le Orsoline sono nate dallo zelo pastorale del Beato Zefirino Agostini, parroco dei Ss. Nazaro e Celso. Formava le giovani dell’Oratorio Mariano, (l’organizzazione della pastorale giovanile dell’800…) alla scuola dei santi e delle sante e presentava la figura di Angela Merici: donna coraggiosa che, nel 1535 aveva dato inizio alla ‘Compagnia delle Orsoline’. Una ‘Compagnia’ di Vergini che, nel mondo, vivevano quella relazione profonda con il Signore che le rendeva ‘madri nello Spirito’.
Donna così saggia, così pratica, così rispettosa delle persone e della donna in particolare, da essere considerata grande educatrice, nel senso più ampio della parola.
Madre – educatrice: un binomio inscindibile in Angela, che raccomanda alle sue figlie di essere madri, di conoscere ciascuna delle loro figlie non solo con il nome, ma il loro carattere, la loro personalità, per poter far emergere, da ognuna, il meglio di sé.
Un Parroco affascinato da questa santa e giovani altrettanto affascinate, al punto che ‘tre fra le maggiori’ si presentarono a lui per dire che volevano fare qualche cosa come S. Angela: è il fascino della santità… il diventare cristiani per attrazione…. È un programma educativo e pastorale insieme…
E così, come un piccolo seme che cade in terra, è nato l’Istituto: prima alcune che hanno desiderato vivere insieme, e poi, via via … crescendo fino ad essere approvate da Mons. Luigi di Canossa, Vescovo di Verona, il 21giugno del 1869, 150 anni fa, con il nome di Orsoline Figlie di Maria Immacolata. Oggi siamo 465… sparse, oltre che in Italia, anche in Madagascar, Brasile, Uruguay, Paraguay, Perù Svizzera.

Nella Chiesa, che è madre, vivere la maternità. Questo è il ‘carisma’, il dono che le Orsoline devono vivere e far ricordare nella Chiesa. In questo Capitolo, ormai prossimo alla conclusione, c’è l’intuizione che questa maternità è vissuta nella misura in cui si ritorna ad essere comunità evangeliche.
“Ritornare ad essere comunità evangeliche per una presenza nuova nella società e nella Chiesa”: questo è il programma di vita che orienterà scelte, decisioni, a livello personale e comunitario, nel solco tracciato da questo 19° Capitolo Generale.